PRECAST Design » L'uso di Travi PREM negli edifici E1 e E2 di Porta Garibaldi a Milano
L'uso di Travi PREM negli edifici E1 e E2 di Porta Garibaldi a Milano
Danilo Campagna
Andrea Sangalli
Livio Izzo
Emanuele Scalvini

 Memoria tratta dagli Atti del 19 Congresso CTE, Bologna 8-10 novembre 2012.

 

INTRODUZIONE

L’intervento degli edifici E1 – E2 si trova nell’area di Porta Nuova Garibaldi a Milano.
L’edificio di Uffici e Showroom è caratterizzato da una superficie fuori terra di 14.500 mq con dimensioni in pianta variabili da 37.30 m a 23.30 m di larghezza e di 144 m di lunghezza con una altezza fuori terra di 30.80 m.

Vista da Podio Garibaldi Repubblica

La parte commerciale è ospitata da un porticato vetrato al piano terra; i cinque livelli fuori terra sono destinati ad uffici mentre i due interrati a parcheggi e depositi. Alla base del progetto una architettura sinuosa e ondulata capace al tempo stesso di instaurare un rapporto con il contesto e di affermare la propria riconoscibilità.
Dal layout di progetto dell’edificio E2 si constata una parziale sovrapposizione planimetrica del fabbricato con la futura linea metropolitana MM5; di fatto, il corpo alto dell’edificio E2 è realizzato parzialmente sulla proiezione della galleria della metropolitana. Questa sovrapposizione ha portato a sviluppare la progettazione di un impianto fondazionale di tipo indiretto mediante una struttura di tipo a “ponte” in c.a. atta a trasferire le azioni verticali dell’edificio al terreno mediante fondazioni profonde adiacenti la galleria.

Vista d’insieme della facciata nord interessata dagli sbalzi di notevole luce.

Gli edifici E1 ed E2 sono collegati tra loro da un corpo di collegamento tale da costituire un unico corpo di fabbrica di notevole estensione longitudinale (144 m); di conseguenza è stato progettato un giunto strutturale posto pressoché in mezzeria. Il corpo di collegamento (luci: longitudinale massima 19.20 m – minima 16.45 m, trasversale 29.90 m), al fine di limitare gli spessori strutturali, è stato progettato mediante l’utilizzo di travi tralicciate miste (travi PREM) abbinate a solai di tipo predalles TSQ dello spessore di 30 cm e campate con luci massime di 7 m: un sistema di travi e solai totalmente autoportante in fase di getto. Le travi PREM, in questa zona previste prive di fondello in calcestruzzo, ma fornite di casseratura in lamierino (sponde e piatto di fondo), presentano una altezza di 90 cm ed una larghezza di 80cm con luce massima di 19.20 m. 
La peculiarità di questi edifici consiste nei notevoli sbalzi presenti su tre fronti, atti a formare una cornice di continuità architettonica. Questi sbalzi, con destinazione d’uso ad uffici-terrazze, presentano luci variabili che arrivano sino a 9.90 m con valori minimi di 4.50 m. Il progetto di una particolare orditura di travi PREM ha consentito di raggiungere l’obbiettivo previsto dalle esigenze architettoniche.

Nell'articolo vengono descritti le OPERE DI FONDAZIONE, QUELLE DI ELEVAZIONE E QUELLE A SBALZO  con particolar riferimeto a quelle che hanno previsto l'uso delle Travi PREM.

Nodo trave-pilastro a quattro vie

Zona collegamento E1-E2: travi PREM autoportanti con fondello e sponde in lamierino

Vista intradosso elementi PREM con rastremazione della sezione: solaio di copertura. L5 (+155.50)

SCARICA L'ARTICOLO INTEGRALE
 

 

Articolo letto: 1481 volte